Orari accessibili
Seguici su Facebook YouTube

In evidenza

Lettera della Presidente della Commissione Trasporti e Turismo alla Commissione Europea

Bergamo, 12 giugno 2020 - Gianni Scarfone, Direttore Generale ATB e Amministratore Delegato TEB, ha aderito alla lettera che Karima Delli, Presidente della Commissione "Trasporti e Turismo" del Parlamento europeo, insieme agli amministratori delegati delle imprese di trasporto pubblico e a Pere Calvet, presidente dell'UITP, hanno deciso di invitare la Commissione europea e gli Stati membri a riconoscere il ruolo fondamentale del trasporto pubblico nella mobilità di oggi e di domani e la necessità di sostenere questo settore.

"Il trasporto è responsabile del 30% di tutte le emissioni di CO2 in Europa, tuttora in aumento. Le città stanno affrontando la situazione peggiore ed è chiaro che se vogliamo ancora in un futuro prossimo, poter semplicemente respirare all'esterno all’aria aperta, dobbiamo ripensare completamente il modo in cui ci muoviamo. Sono convinta che il grande cambiamento ci sarà con la drastica riduzione delle singole auto nelle città, quando le persone potranno accedere ad alternative migliori adattabili alle loro esigenze di mobilità. La mobilità di domani sarà sostenibile, inclusiva e sicura. È impossibile raggiungere questi obiettivi senza una forte rete di trasporti pubblici".

Il modo più rapido ed economico per decarbonizzare la mobilità quotidiana delle persone e ridurre l'impronta di carbonio delle loro scelte di mobilità è quello di promuovere l'uso del trasporto pubblico. Favorire il trasferimento modale in tutta l'UE sembra essere una questione di massima priorità per combattere l'inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico. Ogni anno, il trasporto pubblico può contribuire ad evitare una quantità di CO2 20 volte superiore a quella emessa. Aumentare l'uso del trasporto pubblico è una delle soluzioni per soddisfare le ambizioni del Green Deal e gli obiettivi climatici. L'attuale emergenza pandemica che ha colpito il mondo ha avuto un impatto significativo sull'economia globale. Le conseguenze sugli operatori del trasporto pubblico e sulle autorità sono molteplici e continueranno a farsi sentire per diversi anni. Il settore ha bisogno di essere sostenuto per poter sopravvivere a questa crisi e per soddisfare le nostre aspettative sulla mobilità sostenibile.

Le parti interessate hanno individuato le seguenti problematiche:

  1. Il trasporto pubblico deve essere la spina dorsale della strategia di mobilità locale in tutta l'UE:
    a) Il trasporto pubblico ha giocato un ruolo chiave durante la crisi del Coronavirus e continuerà ad essere essenziale. Pertanto, ci rammarichiamo profondamente che il settore non sembri essere una chiara priorità nei piani di ripresa della Commissione e degli Stati membri e nelle prossime strategie europee nell'ambito del Green Deal
    b) Dobbiamo progettare le nostre città in modo più attento e più verde per organizzare meglio la mobilità. La Commissione Europea dovrebbe mettere in atto politiche di riallocazione degli spazi a favore del trasporto pubblico per migliorare la qualità della vita dei cittadini e ridurre il livello di inquinamento. Questa politica urbana deve affrontare il problema della riduzione delle ore di punta e dell'adattamento del trasporto pubblico ai cambiamenti dei modelli di viaggio.
  2. La necessità di un sostegno economico e finanziario:
    a) Il settore avrà bisogno di sostegno finanziario a brevissimo termine per poter superare l'attuale crisi.
    b) Gli operatori del trasporto pubblico si trovano in una situazione contraddittoria in cui, da un lato, devono fornire lo stesso livello di servizi di prima della crisi, ma, dall'altro, si trovano ad affrontare un drastico taglio dei loro redditi che si basa sul livello di utilizzo e di dotazione da parte delle autorità locali. È evidente che ricevere non più del 10 per cento dei ricavi dei biglietti, mantenendo in media tra il 70 e il 100 per cento del servizio, non è finanziariamente sostenibile. Una stima approssimativa delle perdite di entrate a livello europeo nel trasporto pubblico urbano e locale è di circa 40 miliardi di euro fino alla fine del 2020. Inoltre, la pulizia e la disinfezione rigorosa dei veicoli e degli hub, la fornitura di maschere al personale e ai passeggeri e l'aumento del livello di servizio per far fronte alle misure di allontanamento fisico ed evitare la promiscuità nei veicoli di trasporto di massa: tutte queste misure sono costose.
    c) La crisi economica ha un forte impatto anche sulle risorse finanziarie delle autorità di trasporto pubblico. Le specificità dei servizi di trasporto pubblico in Europa non devono essere dimenticate dai decisori europei. I sussidi e i contributi provenienti dalle autorità locali si basano su diversi sistemi fiscali che sono stati fortemente colpiti dalla crisi.
    d) Sarebbe catastrofico se, per la prima volta, dovessimo affrontare una diminuzione del livello dei servizi di trasporto pubblico. Oltre a decarbonizzare la mobilità quotidiana locale, un trasferimento modale verso modalità più pulite come il trasporto pubblico offre forti benefici complessivi. Questi benefici includono aria pulita, riduzione del rumore, migliore utilizzo dello spazio pubblico, traffico privo di incidenti, migliore qualità della vita e coesione territoriale e sociale.
  3. Investimenti per aumentare il livello di servizio, accogliere un numero maggiore di passeggeri e accelerare la transizione verso una mobilità a basse o zero emissioni:
    a) Nell'ambito del piano di ripresa dell'UE, il settore del trasporto pubblico avrà bisogno di un livello sostanziale di investimenti in termini di infrastrutture, beni e strumenti di politica della mobilità. Questo aiuterà il settore ad affrontare le sfide della sostenibilità e della digitalizzazione, nonché a soddisfare la crescente domanda e le aspettative dei passeggeri. Infine, ciò contribuirà al raggiungimento degli obiettivi strategici previsti dal Green Deal europeo, tra cui la decarbonizzazione, la decongestione e la giustizia sociale.
    b) Investimenti nelle infrastrutture di trasporto pubblico stradale e ferroviario. Per citare un esempio, i servizi ferroviari sono essenziali per molte aree rurali e suburbane. Il trasporto ferroviario regionale e suburbano rappresenta il 90% del numero totale di passeggeri ferroviari in Europa e trasporta un numero di passeggeri 10 volte superiore a quello del trasporto aereo.
    c) Investimenti per aiutare gli attori della mobilità a fornire servizi aggiuntivi come l'aumento dei servizi nelle ore di punta, nuovi servizi complementari di autobus, la creazione di linee dedicate di autobus e pullman, servizi su richiesta, ecc.
    d) Qualsiasi futuro fondo UE dedicato all'ecosistema del trasporto pubblico dovrà dare priorità non solo ai nuovi investimenti, ma anche al mantenimento delle infrastrutture attuali. Ciò contribuirà ad ottimizzare il valore e la resilienza delle reti di trasporto esistenti.
    e) Negli investimenti per mobilità urbana pulita dovrebbero giocare un ruolo centrale le sovvenzioni, in particolare attraverso i recenti “Recovery and Resilience Facility” e “InvestEU”.

Il trasporto pubblico ha un ruolo strategico per l'ambiente nei prossimi anni e decenni. Gli obiettivi del Green Deal non verranno raggiunti se l'Unione Europea non pone l'accento sulla mobilità quotidiana nelle aree urbane e suburbane per affrontare l'inquinamento e la congestione.

La prossima Strategia Europea per una mobilità sostenibile e intelligente dovrebbe fornire gli strumenti per affrontare l'importanza delle esigenze di mobilità collettiva sostenibile. Nel 2018, autobus, tram, metropolitane, metropolitane, ferrovie suburbane e regionali in Europa hanno trasportato quasi 60 miliardi di passeggeri, ovvero più di 40 miliardi di viaggi in auto evitati. Più che mai, il Green Deal è l'opportunità per l'Unione Europea di proporre e attuare soluzioni concrete per migliorare la vita quotidiana e la mobilità di milioni di cittadini.

Per un futuro migliore sosteniamo il trasporto pubblico!